Vincere con il trading

Vincere con il trading

Vincere con il trading

di 6 ottobre 2016 0 commenti

Iniziare a fare trading online potrebbe sembrare semplice per i più, ma in realtà sono necessari diversi giorni di studio per poter dire di “Vincere con il Trading”. Avere successo nel trading non è tuttavia un qualcosa di impossibile da raggiungere, in quanto tutti possono praticamente avere successo nel mondo del trading, a prescindere dalla preparazione che si possiede.

Che cosa è il Trading

Prima di parlare più approfonditamente di come si fa trading di successo, è consigliabile introdurre l’argomento del trading online. Che cosa è il trading? Il Trading online è un modo per partecipare ai mercati finanziari, dove i clienti cercando di fare più profitti rispetto al tradizionale “compra e aspetta”, si tratta quindi di un metodo molto attivo per fare trading online.

Piuttosto che cercare profitti da movimenti rialzisti a lungo termine nei mercati, i commercianti tentano di trarre vantaggio sul prezzo, grazie a movimentazioni a breve termine, cercando di trarre profitto in entrambi i mercati, sia al rialzo che al ribasso.

Prima di iniziare prima di tutto a fare trading, è necessario avvicinarsi a questo mondo in maniera prima di tutto tradizionale, e ovviamente a trattare il trading online come se fosse un qualsiasi altro tipo di business e attività imprenditoriale, in quanto è proprio così che è il trading online: un business.

La propria attività di trading, se di successo, richiederà un piano strategico che mette in conto il proprio business attuale e il proprio trading reale. Il business plan includerà cose come gli obiettivi a breve e lungo termine, la quantità di capitale che si ha a disposizione per il trading che si ha intenzione di fare e come si intende impostare la propria piattaforma di trading.

Il proprio piano di trading include numerosi dettagli del trading che si ha intenzione di fare: ciò che si vuole commerciare e come si intende fare trading.

Il piano di trading deve dunque essere un obiettivo che ci si prepone e deve assolutamente essere conciso e perfettamente comprensibile, anche per un qualsiasi altro trader.

È importante inoltre capire che il proprio piano di trading non è semplicemente un insieme di regole che si pensa “possano funzionare” o un elenco di set-up ai quali si è in qualche modo affezionati, o addirittura delle regole prese da qualche altro trader sul web. Un buon piano di trading è uno che si è studiato, testato su dati storici, testato in un mercato reale e valutato a intervalli regolari.

Vincere con il trading, con un trading di successo, necessita un po’ di più che un paio di articoli o libri; si dovrebbe infatti, prima di tutto, dedicare una notevole quantità di tempo e fatica nello studiare le basi e a costruirsi una strategia, prima ancora di depositare i propri soldi su di un conto di trading online. Tutto questo “tempo perso” può sembrare scoraggiante, ma è il percorso da fare per diventare vincenti, e per costruirsi una vera e propria indipendenza finanziaria, grazie al trading.

Trading Vincente il Money Management

Per iniziare subito al meglio, è necessario prima di tutto studiare e applicare il Money Management.

Il Money Management, viene molto spesso utilizzato nel gergo degli investimenti in borsa, e viene chiamato anche come “Gestione del Rischio” o “Risk Management”.

Si tratta quindi di tecniche mirate alla massimizzazione e alla minimizzazione delle perdite. Si può quindi definire come un insieme di regole atte all’efficienza del proprio patrimonio.

Il money management si può dividere quindi in due grandi filoni, il risk management (gestione del rischio) e la position sizing. Il primo analizza il rischio che è legato alla posizione aperta sul mercato. La seconda è invece il capitale che è necessario prima di tutto necessario investire su ogni singola operazione aperta sul mercato, ripartendo dunque il capitale sui vari asset del portafoglio.

Una corretta gestione del rischio, ha come scopo principale la massimizzazione dei profitti e la riduzione delle perdite, a prescindere dalla tipologia di strategia di trading utilizzata.

Ogni buona strategia di Money Management, si articola in vari punti, che sono:

  • Disponibilità di capitale adeguata allo strumento finanziario utilizzato.
  • Rischio limitato massimo a 2-3% per ogni singola operazione da aprire nel portafoglio.
  • Utilizzo dello stop loss dopo aver aperto la posizione a mercato.
  • Definizione del rischio massimo per il portafoglio (Drawdown Max). Questo accorgimento viene preso per conservare una parte di capitale per continuare ad operare a mercato.

Salva

Nessun commento

Inizia la discussione

Nessun commento ancora

Puoi essere il primo a commentare.

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato e nessun dato sarà condiviso con altri.